Ruderalis

Ruderalis è una giovane e piccola azienda agricola che sorge sulle pendici della Valle Imagna in provincia di Bergamo. A 800 metri sul livello del mare coltiviamo i nostri terreni secondo metodi naturali e senza l’uso di pesticidi, diserbanti e additivi chimici.

Coltiviamo canapa, ortaggi, erbe spontanee e officinali, fiori edibili e piccoli frutti rispettando i tempi della natura e la biodiversità in un vero e proprio Slow-Farming.


Marco e Francesca, una giovane coppia piena di passioni

MARCO, affascinato dall’etnobotanica e laureato in antropologia delle religioni, da lungo tempo si interessa di quegli studi che riguardano l’influenza delle piante e di quei rituali che le vedono protagoniste nello sviluppo di culture, società e nell’evoluzione di contesti spirituali.

FRANCESCA, cresciuta in campagna, da sempre è affascinata dal potere curativo e nutritivo delle piante spontanee e officinali e delle loro notevoli applicazioni e dei credi e leggende popolari che ruotano attorno ad esse. Assidua collezionista di piante e ortaggi particolari, antichi ed esotici e sperimentatrice di nuove combinazioni sia nel campo che in cucina.


Coltiviamo con metodi biologici i nostri prodotti e rispettando i ritmi della natura.

Raccogliamo le piante officinali, aromatiche e spontanee rispettando i tempi balsamici per accrescere le loro proprietà.
Essicchiamo i nostri raccolti naturalmente senza l’uso di forni per permettere alle piante di completare la propria maturazione e per mantenere al meglio tutte le proprietà nutritive, anche quelle più volatili.


Nei nostri terreni cerchiamo di promuovere la biodiversità

diversificando il più possibile le varietà di cultivar coltivate, stimolando la crescita delle preziose piante spontanee ricche di proprietà piuttosto che combatterle, stimolando un’interazione sinergica tra le nostre piante e tralasciando tutti quei trattamenti chimici che sono dannosi per l’ambiente e i sui abitanti e facendoci così alleati tutti quei piccoli insetti (come lombrichi, coccinelle, impollinatori…) che sono indispensabili per la sopravvivenza di un ecosistema in equilibrio.


Ove possibile, dedichiamo sempre una parte delle nostre coltivazioni alla produzione di semi:
per selezionare quelle varietà di cultivar che meglio si sono adattate all’habitat in cui crescono,
per creare la possibilità di nuovi incontri fra piante dalla quale talvolta nascono nuove e inaspettate varietà,
ma soprattutto per contrastare il recente fenomeno di standardizzazione del prodotto agricolo a scapito della biodiversità.


Ma cosa centra la creatività con l’agricoltura? dar sfogo alla creatività in ambito agricolo significa provare e trovare nuove soluzioni di coltivazione, significa apertura verso nuovi studi e diverse filosofie e rottura di quelle regole che vertono la produzione agricola verso la standardizzazione.
Lasciare spazio alla creatività ci permette di trovare sempre nuove soluzioni e nuovi approcci al nostro lavoro e di rimanere così sempre flessibili e aperti a nuove possibilità.
Ci occupiamo personalmente di ogni ambito della nostra azienda, non solo nella coltivazione, ma anche nella cura della nostra immagine, del packaging, e della trasformazione e presentazione dei nostri prodotti.


Organizziamo corsi e incontri in azienda per favorire il confronto e lo scambio di saperi e relazioni, per stimolare un sentimento di collettività e di comunione e per creare nuove interazioni che non si limitano al mero scambio produttore-consumatore ma che suggeriscano piuttosto la condivisione di esperienze che accrescano il bagaglio personale di ogni compartecipante.